Testo e autori

Traduzione e note

Ascolta

home page Torna all'elenco dei canti Vai alla pagina precedente

DONE DONE VECE VECE

 

Canto popolare irredentista trentino

armonizzazione Marco Crestani

 

Done done, vece vece,

done zovani e sposade

vegn chi che le pignate

ve le dago a bon merc

Du bocai novi de trinca,

piati fondi e bei stramazi

de l'et de Garibaldi

e del vecio Poliador.

Marameo marameo

marcia via da 'sti paesi

v cantarghe ai tirolesi

la canzon del pignatel.

Donne, donne, vecchie, vecchie

 

 

 

Donne, donne, vecchie, vecchie,

sia giovani che sposate,

venite qui che vi vendo le

pentole a buon prezzo.

Ho boccali da bere nuovi,

piatti fondi e bei materassi

del periodo di Garibaldi

e del vecchio Polidoro.(*)

Marameo, marameo,

marcia vai via da questi paesi,

vai a cantare ai tirolesi

la canzone del pignattaio.

 

* anche Poiaton; riferimento irriverente allaquila

asburgica. Altra versione cita della vecchia.

 

DOVE SEI STATO MIO BELL'ALPINO

Canto degli Alpini

armonizzazione Antonio Pedrotti

 

Dove sei stato, mio bell'alpino

che ti ga cambi colore?

L' stata l'aria del Trentino

che mi ha cambi colore.

I tuoi colori ritorneranno

questa sera, a far l'amore.

 

 

 

DORMI PITZINNU

 

Secondo Soddu Gianni Garau

 

Dormi pitzinnu cun sonnos de oro.

Dormi ca babbu ti tene sa manu.

De mamma tua ses semper in coro.

Bellu che frore, che frore e beranu.

Ninna nanna pitzinnu cantu podes.

E cantu podes a sonnu profundu.

Pro non bider sas penas

de su mundu.

Pro ca bhat zente mala

e falsas lodes

Isculta fizzu sas novellas mias.

Babbu a ti raccontare

es semper prontu.

Cando tischidas

thas a render contu.

Chi mhas a narrer rejone tenias.

Appena chi tacciaras a sa janna

ninna nanna pitzinnu

ninna nanna.

Dormi piccino

 

 

 

Dormi piccino fa sogni d'oro.

Dormi mentre babbo ti tiene la mano.

Sei sempre nel cuore di tua madre.

Bello come un fiore, come un fiore di primavera.

Fai la nanna piccolo quanto puoi

E quanto pi puoi d'un sonno profondo

Per non vedere le sofferenze

del mondo

perch vi gente cattiva

e adulatrice

Ascolta, figlio, le favole

che babbo

sempre pronto a raccontarti.

Quando ti sveglierai

ti renderai conto.

E mi dirai "Avevi ragione".

Appena ti affacci alla vita

ninna nanna piccolo

ninna nanna.

DOVE TE VETT, O MARIETTINA

 

Canto popolare lombardo

armonizzazione Antonio Pedrotti

 

Dove te vett, o Mariettina,

insc bonra in mez al pr?

Mi me ne v in campagnola

campagnola a lavor.

Se la rosada la se alza

la te bagner el scossa.

El scossarin lho gi bagnato

stamattina in mezzo al pra.

Dove vai, o Marietta

 

 

 

 

Dove vai Marietta

cos di buonora in mezzo al prato?

Vado in campagna

in campagna a lavorare.

Se la rugiada si alza

ti bagner il grembiule.

Lho gi bagnato

stamattina in mezzo al prato.

 

E A SUNT

 

Canzone friulana

ricostruzione e armonizzazione Gianni Malatesta

 

E sunt une di gspui,

al dt il ultim bot.

Jo us doi la buine sere,

Jo us doi la buine gnt!

suonato (il vespro)

 

 

 

suonata la prima campana del vespro,

ha dato lultimo tocco.

Vi do la buonasera,

vi do la buonanotte!

 

 

 

 

E CANTERA'

Bepi De Marzi

 

E canter; e canter

pi alto delle stelle.

e canter con Te

che sei la luce del silenzio.

E canter.

E suoner; e suoner

con l'arpa della luna

e suoner

la cetra all'Infinito.

E suoner

E canter.

 

 

 

 

 

 

E MI ME NE S 'NDAO

 

Anonimo XVII sec.

armonizzazione Lucio Finco

 

E mi me ne s 'ndao

donde che i feva i goti

ziogando la spineta

e ai altri zioghi.

Mi go de le fugasse

de quele de Malghera

ho camminao par tera

fino a Fusina.

Dal trasto a la sentina

co un batelin da s-ciopo

andeva de galopo a la Zueca.

Go cammino la seca

tutta la pescaria

go d la popa in drio

ai do Casteli.

Go visto l'orto dei Abrei

co tute le Vignole

da le Vignole in drio

me son reduto.

Go cammino par tuto

ho visto un buranelo

l'aveva un bel sestelo

a l'ha mostrao.

E mi me ne s 'ndao

donde che i feva le squele

ziogando la spineta

le done bele.

 

Ed io me ne sono andato

 

 

 

 

Ed io me ne sono andato

dove facevano i bicchieri(1)

giocando a spineta(2)

ed altri giochi.

Ho delle focacce

di quelle di Marghera

ho camminato per terra

fino a Fusina.(3)

Passando dal trasto alla sentina,

su un battellino da caccia(4)

andavo di gran carriera alla Giudecca.

Ho percorso la secca(5)

e tutta la pescheria(6)

ho volto la poppa allindietro

verso i due castelli. (7)

Ho visto lorto(8) degli Ebrei

con tutta lisola delle Vignole

e dalle Vignole son ritornato

indietro.

Ho camminato dappertutto

ho visto un (abitante di) Burano

che aveva un bel cestino

e me l'ha mostrato.

Ed io me ne sono andato

dove facevano le scodelle(9)

giocando la spineta le (alle) donne belle.

 

(1) Murano

(2) La spinetta potrebbe essere un gioco oppure

lo strumento musicale.

(3) localit sulla gronda lagunare dopo Marghera

dove sfociava il Brenta.

(4) In veneziano "sciopon"; barca a fondo

piatto da schioppo (per la caccia in barena)

(5) parti di laguna in secco durante la bassa

marea.

(6) di Rialto e San Marco

(7) i forti di SantAndrea e San Nicol posti a

difesa della bocca di porto del Lido

(8) lantico cimitero

(9) San Barnaba?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EL BARCAROL DEL BRENTA

 

Canto popolare trentino, Val Sugana

armonizzazione Luigi Pigarelli

 

O barcarl del Brenta

mprestme la barcheta

per andare in gondoleta

su la riva del mar

Mi s che te le la mpresto

basta che la ritorna,

se questa la se sfonda

no te la mpresto p.

La barca ritornata

piena di rose e fiori

con dentro i cacciatori

del sesto alpin.

Il barcaiolo del Brenta

 

 

Nota -  Il canto, molto diffuso tra gli alpini, stato adattato ed

integrato secondo i corpi di appartenenza.

Di seguito una versione relativa alla disciolta Brigata Cadore

 

Del settimo Alpini / del battaglion Cadore

addio mie belle more / non ci vedrem mai pi.

Ci rivedrem ancora / forse da richiamati

con gli zaini affardellati / la sera a far lamor.

 

 

 

EL CANTO DE LA SPOSA

 

Canto popolare trentino

armonizzazione Luigi Pigarelli

 

La casa del mio bn l tuta sassi:

a mi che devo andar, me par palazzi.

La casa del mio bn l tuta spini:

a mi che devo andar, me par cussini.

La casa del mio bn l tut tearine:

a mi che devo andar, me par coltrine.

Il canto della sposa

 

 

EL GALT CHIRICHICH

 

Burlesca per bimbi trentina

ricostruzione Luigi Pigarelli

 

E la mia mama la va al merc

e tuti i d la 'n compra uno-uno-uno.

E l'ha comprato un bel galeto

che 'l sar la mia fortuna-una-una.

E 'l bel galet chirichich

l' sempre l, l' sempre l,

e 'l bel galet chirichich

l' sempre l, l' sempre l.

E la mia mama la va al merc

e tuti i d la 'n compra uno-uno-uno.

E l'ha comprato un bel gatino

che 'l sar la mia fortuna-una-una.

E 'l bel gatel fa gnao, fa gnao

E 'l bel gatel fa gnao, fa gnao

ma 'l bel galet chirichich

l' sempre l, l' sempre l.

E la mia mama la va al merc

e tuti i d la 'n compra uno-uno-uno.

E l'ha comprato un bel cagneto

che 'l sar la mia fortuna-una-una.

E 'l bel cagnet fa biff e boff

E 'l bel cagnet fa biff e boff

ma 'l bel galet chirichich

l' sempre l, l' sempre l.

E la mia mama la va al merc

e tuti i d la 'n compra uno-uno-uno.

E l'ha comprato na galinota

che 'l sar la mia fortuna-una-una.

Fa la galina co-cod

fa la galina co-cod

ma 'l bel galet chirichich

no l' p l, no l' p l.

EL GALT CHIRICHICH

 

 

 

E la mia mamma va al mercato

e tutti i giorni compra qualcosa.

Ha comprato un bel galletto

che sar la mia fortuna.

E il bel galletto chicchirich

sempre l.

E il bel galletto chicchirich

sempre l.

E la mia mamma va al mercato

e tutti i giorni compra qualcosa.

Ha comprato un bel gattino

che sar la mia fortuna.

E il bel gattino fa gnao gnao

E il bel gattino fa gnao gnao

ma bel galletto chicchirich

sempre l.

E la mia mamma va al mercato

e tutti i giorni compra qualcosa.

Ha comprato un bel cagnolino

che sar la mia fortuna. 

E il bel cagnolino fa biff boff

E il bel cagnolino fa biff boff

ma bel galletto chicchirich

sempre l.

E la mia mamma va al mercato

e tutti i giornicompra qualcosa.

Ha comprato una gallinella

che sar la mia fortuna.

La gallina fa coccod

La gallina fa coccod

ma bel galletto chicchirich

non pi l, non pi l.

 

EL GRILETO E LA FORMICOLA

Filastrocca per bimbi

ricostruzione Luigi Pigarelli

 

Un giorno la formicola

la scardazava l lin

e pssa lo grileto e

l ghe n domanda n fil.

Domanda la formicola:

dun fil che ne vuoi far?

v farmi sei camicie

mi voglio maritar.

Domanda la formicola

no me torset mi?

Risponde lo grileto:

l quel che penso mi !

l grileto e la formicola

i era un gran bel par

quando i s messi

ai piedi dellaltar.

Ma quando a la formicola

el gha mess drent lanel

el gril l casc n tera e

l sha spinz l zervel!

Alora la formicola

li nada de l del mar

a cercare il medico

per farlo medicar

Ma quando la formicola

li arivada in port,

gh ariv la nova che

l grilo lera mort.

Alora la formicola

la s butada n let

e col calcagn del piede

la se bateva l pt.

Il grillo e la formica

 

 

 

Un giorno la formichina

cardava il lino

e passa di l il piccolo grillo

e le chiede un filo.

Chiede la formichina

di un solo filo che vuoi fare?

voglio farmi sei camicie

mi voglio maritare.

La formichina domanda:

mi vorresti sposare?

Il grilletto risponde

proprio ci che penso!

Il grilletto e la formichina

erano una gran bella

coppia quando sono andati

ai piedi dellaltare.

Ma quando la formichina

gli ha infilato lanello,

il grillo caduto per terra e

si rotto la testa!

Allora la formichina

andata al di l del mare

per cercare il medico

per farlo medicare

Ma quando la formichina

arrivata in porto,

l giunta notizia

che il grillo era morto.

Allora la formichina

si buttata sul letto

e col tallone del piede

si batteva il petto.

 

EL MERLO GA PERSO EL BECO

Canto popolare veneto

ricostruzione e armonizzazione Gianni Malatesta

 

El merlo ga perso el beco

come faralo a cantar

el merlo ga perso el beco

povero merlo mio,

el merlo ga perso el beco

come faralo a cantar!

El merlo ga perso l'ali

come faralo a volar ...

El merlo ga perso le sate

come faralo a saltar ...

El merlo ga perso el core

come faralo ad amar ...

El merlo ga perso el beco,

El merlo ga perso l'ali,

El merlo ga perso le sate,

El merlo ga perso el core.

el merlo ga perso el beco

come faralo a cantar.

Il merlo ha perso il becco

 

 

Il merlo ha perso il becco

come far a cantare.

Il merlo ha perso il becco

povero merlo mio,

il merlo ha perso il becco

come far a cantare!

Il merlo ha perso le ali

come far a volare ...

Il merlo ha perso le zampe

come far a saltare ...

Il merlo ha perso il cuore

come far ad amare ...

Il merlo ha perso il becco,

il merlo ha perso le ali,

il merlo ha perso le zampe,

il merlo ha perso il cuore.

Il merlo ha perso il becco

come far a cantare

ELMEGYEK

 

Canto magiaro

elaborazione Paolo Bon

 

Elmegyek, elmegyek hoszu utramegyek,

ennek afalunak, lakja nem leszek,

elloptk mindenem, nemmaradt egyebem

mint kt sr szemem.

 

Azt mondjak nem adnak enghen galambomnak,

inkbb adnak msnak annak a hatkrs

fekete subsnak.

 

Pedig az n rzsm msra nem nz csak ram!

Egyetlen cskjrt az egsz vilgot

cserbe odadnm.

 

 

Me ne vado

 

 

(Scrittura fonetica)

lmgyk, lmgyk hosu utrmgyk,

nnk fflunk, lkooj nm lsk,

lloptk mindnm, nmmrt dibm

mint keet shiroo smm.

 

s mondik nm dnk nghn glmbomnk,

inkab dnk mashnk nnk htcrsh

fkt schubashnk.

 

Pdig s een roojam mashr nm nees cik rm!

Editln ciookjaeerts ghees vilagot

creeb oddnam.

 

(Traduzione)

Lontano, me ne vado per una lunga strada, lascio

questo villaggio, non ne far pi parte, ho perso

tutto; solo mi resta lamaro di due occhi di pianto.

Mi negano lamore del mio fedele, tenero

come colomba; vogliono darmi ad un altro: sei

buoi lo fanno ricco, nobile un manto nero.

Ma luomo mio che profuma di rosa guarda

soltanto me e nessunaltra donna. Se solo mi

baciasse tutto il mondo darei.

 

EL TEMPORAL

 

Ugo Maria Pomarici Massimo de Bernart

adattamento Michele Peguri

 

Lontan toniza, ormai la xe passada,

zo ne la busa romba la cascada

e se desmissia el bosco imatono

al primo ragio del sol imisero.

El temporal xe ormai pass,

e le montagne g infarin.

La xe passada, ormai la xe passada

ma quando el ciel

gera una luminada

la testa te ga sconto impaurio

soto el me brasso, bel oselin sbasio.

El temporal xe ormai pass,

e nei to oci me so speci.

La xe passada, ormai la xe passada

i grili va a tacar la sviolinada

el mugo bombo

strissa i rami al vento

lontan va el temporal

col so lamento.

El temporal xe ormai pass,

e inamorai semo resta

Il temporale

 

 

 

Tuona lontano, ormai passato,

gi nella forra romba la cascata

e si risveglia il bosco attonito

al primo raggio di sole pallido.

Il temporale ormai passato

e le montagne ha imbiancato

E' passata, ormai passata.

Ma quando il cielo

era un fuoco d'artificio,

belluccellino impaurito,

hai nascosto la testa sotto il mio braccio.

Il temporale ormai passato

e mi sono specchiato nei tuoi occhi.

E' passata, ormai passata.

I grilli iniziano una sviolinata;

il pino mugo, fradicio,

strizza i rami al vento.

Lontano va il temporale

con il suo suonolamentoso.

Il temporale ormai passato

e ci siamo ritrovati innamorati.

 

EMIGRANTI

Canto popolare Veneto

armonizzazione Paolo Bon

Trenta giorni di macchina a vapore,

nella Merica ghe semo arrivati,

ma nella Merica che semo arrivati

no abbiam trovato n paja n fien.

E Merica Merica Merica

cossa sarala sta Merica?

Merica Merica Merica,

in Merica voglio andar.

Abbiam dormito sul nudo terreno

come le bestie che van riposar.

E la Merica l lunga l larga,

circondata da fiumi e montagne;

e co laiuto dei nostri Italiani

abbiam formato paesi e citt.

E Merica Merica Merica

cossa sarala sta Merica?

Merica Merica Merica,

in Merica voglio andar.

E co laiuto dei nostri Italiani

abbiam formato paesi e citt!

 

ENTORNO AL FOCH

 

Mansueto Pedrotti

armonizzazione Arturo Benedetti Michelangeli

 

Entorno al fch se canta,

entorno al fch se varda,

Entorno al fch se parla,

se dis come la va.

Boia de 'na minestra; bi, bi, bi!

Se smorza 'na fiamla,

se 'n piza 'n tch de zoca,

Se tira 'n qua la boza

e se sta l a vardar.

Boia de 'na minestra; bi, bi, bi!

Se pensa a la morosa,

a nossa pra mama,

Se 'n piza n'altra fiama

che la va drita al cor.

Boia de 'na minestra; bi, bi, bi!

Su per la capa nera

na fila de comete:

Per tute 'ste lumete

se se pl desmentegar. La bie!!!

Intorno al fuoco

 

 

 

 

Intorno al fuoco si canta,

si guarda,

si parla,

si racconta come va.

Boia di una minestra, cuoci!

Si affievolisce una fiammella,

si accende un ciocco,

si avvicina la bottiglia

e si sta l a guardare.

Boia di una minestra, ...

Si pensa alla morosa,

alla nostra povera mamma,

si accende unaltra fiamma

che va dritta al cuore.

Boia di una minestra, ...

Su per la cappa nera

una fila di comete;

con tutte queste faville

ci si pu dimenticare (di tutto). cotta!!!

ERA NATO POVERETTO

Canto popolare lombardo

armonizzazione Arturo Benedetti Michelangeli

Era nato poveretto

Senza casa e senza tetto

ha venduto i suoi calzoni

per un piatto di maccheroni.

Tra la la la...

Era nato in quel di Napoli

lo tenente era di Sassari

e si davan dei Lapponi

per un piatto di maccheroni.

Tra la la la...

Un gran piatto dinsalata

quattro uova e una frittata

e sessantasei vagoni

tutti pieni di maccheroni.

Tra la la la

Se vuoi vincere la guerra

sia per mare sia per terra

fa in maniera che i cannoni

siano pieni di maccheroni.

Tra la la la...

 

 

ERA UNA NOTTE CHE PIOVEVA

Canto degli alpini

armonizzazione Luigi Pigarelli

 

Era una notte che pioveva

e che tirava un forte vento,

immaginatevi che grande tormento

per un alpino che sta a vegliar.

A mezzanotte arriva il cambio,

accompagnato dal capoposto.

Oh! Sentinella torna al tuo posto

sotto la tenda a riposar.

Quando fui stato sotto la tenda

sentii un rumore gi per la valle,

sentivo l'acqua gi per le spalle,

sentivo i sassi a rotolar.

Mentre dormivo sotto la tenda

sognavo d'esser con la mia bella,

e invece ero di sentinella

a fare la guardia allo stranier.

 

 

ERA SERA

Canto popolare trentino

armonizzazione Andrea Mascagni

 

Era sera di un giorno di festa

la mia bella mi stava accanto,

mi diceva: Io t amo tanto;

si te lo giuro davanti ai tuoi pi.

I tuoi occhi son neri son belli

i tuoi capelli sono di oro;

per te vivo e per te moro

si te lo giuro davanti ai tuoi pi.

Dammi un ricciol dei tuoi capelli

che li serbo per tua memoria;

l sul campo della vittoria

i tuoi capelli li voglio baciar

la sul campo della vittoria

i tuoi capelli li bacer!

 

 

E SLTA FOR SO PARE

 

Canto popolare lombardo

armonizzazione Antonio Pedrotti

 

E slta for so pare

forte come 'n leon

el g' h ciap la tosa

e 'l g h cav 'l cocon.

Par che inveze d'andar

a la benedizion

l'i nada a Porta Genova

a balar coi marangon.

Ah, l' bel! Ah, l' bon!

Ah, l' san come 'n coral

viva la machineta

del giazo artificial.

E salta fuori suo padre ...

 

 

 

E saltato fuori suo padre,

forte come un leone;

ha afferrato la figlia

e le ha sfatto la capigliatura.

Perch invece di andare

alla benedizione

  andata a Porta Genova.

a ballare con i falegnami.

Ah, bello! Ah, buono!

Ah, sano come il corallo

viva la macchinetta

del ghiaccio artificiale.

 

home page Torna all'elenco dei canti Vai alla pagina successiva